Informativa sui Cookie

 
Eventi Eventi
Ai Weiwei.Un tifo da MercatoLuce sui diritti umani.Scienza e conoscenza del caffè.Non c’è autunno senza i necci di Nonna Rina!Pensieri dolci.Olio novo, oro verde.Un tifo da Mercato.Le ragioni del si.Zero Glutine, Tutto Gusto.Cucina a tutta birra.Vinibuoni d’Italia.Galeotto fu il Malandrone.Io spillo.300 anni e nemmeno una penna bianca.MercalloweenFior di bontàUn tifo da MercatoMerktoberfestMicroalghe, un nuovo cibo verde.Evento CallebautMarroni, tesori d’autunno.Conoscere e riconoscere il marrone IGP.Il suino neroUn tifo da MercatoOna, che Rificolona!Il Terzo Paradiso fino a settembre.Un tifo da MercatoUn Mercato da medaglia.Ferragusto insieme.Il Magnifico della Scuola di CucinaFlorence Dance FestivalMichelangelo e Vasari.Da Kandinsky a Pollock.Alla scoperta del gusto italiano.Cibo Arte Vino Mare.Gli Europei si giocano al Mercato.Radio Mercato Centrale.Il Mercato in verdeI segreti del caffè.XL DayIn vino veritasLa Toscana di Ruffino.Noi con voi, davvero.Il MercaledìLa grande biancaUn tifo da Mercato.Cucinare ad arte.Il mais dei Maya.L’amore è l’ingrediente segreto.Pane e Olio.Scontrini in mostra.Un tifo da MercatoBeethoven al MercatoIl MercaledìNoi, due!Tu la conosci Bianca?Florence Cocktail Week. Il Contest.Sabatini Gin.Cosa bolle in pentola?Pane e Olio, l’anteprima.Il MercaledìUn tifo da MercatoProfili di pressioneFuoriditaste – Io difendo l’energia del ciboIl mondo in TavolaLa Madre – romanzo di Valeria CavalliniPresentazione del libro “In cucina con una cuoca pericolosa”Un tifo da MercatoIl Trastullo speciale della ToscanaIl MercaledìPesceL’amore è un giocoPresentazione del libro “La Firenze Male”Un tifo da MercatoIl MercaledìTacchetti & Forchette“Il cibo e la bellezza… la festa”Il Terzo ParadisoBarista TrialAl Mercato arriva la BefanaIn birra veritasMenu di San Silvestro Ristorante ToscaMenu di San Silvestro Pizzeria SudIl Divino DìUn tifo da MercatoOpera WaitingRicette di famigliaCorso per piccoli ChefCampus Cibo e ArteIl MercaledìPresentazione libro “Il Diario di Viaggio”Il MercamercatinoDivini, i migliori vini italiani.Il Terzo Paradiso di Michelangelo PistolettoScopri, assaggia e porta a casa.Un diavolo per capelloI NecciL’oro verde le Gallo Nero.Barilliamo!Barilliamo!Barilliamo!

1

2

3

4

5

6

7

8

Luciano Savini
 

Luciano Savini

Il tartufo

 

TRA TERRA E RADICI

Luciano Savini è cresciuto in una famiglia dove il profumo di tartufo era di casa. Il padre Zelindo aveva infatti ereditato questa passione e la capacità di trovare ed estrarre delicatamente dalla terra i preziosi, arrivando nel tempo a fare di Montanelli – paese dove ancora ha sede l’azienda Savini – un piccolo centro famoso per gli appassionati del tartufo. Di padre, in figlio: Luciano Savini viene inizialmente coinvolto per occuparsi delle consegne, anche per le porzioni ” di scarto”, dei tartufi troppo piccoli o in parte danneggiati durante la raccolta. Luciano prende in mano la situazione e decide di iniziare a vendere i primi ghiotti prodotti trasformati. È un successo che da allora non si è mai fermato. La bottega di Luciano Savini si riconosce a naso: oltre alle più classiche delle ricette che prevedono l’utilizzo del tartufo (tra tutti, i taglioni all’uovo), sono tanti gli abbinamenti profumati e gustosi e sono tanti anche i prodotti da portare a casa, per portare quell’aroma tanto prezioso su tutte le tavole.

 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

luciano-savinitartufo1000x1000btartufo1000x1000ctartufo1000x1000dtartufo1000x1000etartufo1000x1000f

9

 

Tartufo

Luciano Savini è stato menzionato sul Guinness World Record per il più grande tartufo bianco mai commercializzato. L’esemplare pesava ben 1,497 kg!

10

 

i formaggi

Più il formaggio contiene acqua, più i frammenti della cagliata saranno grandi: quanto una noce per lo stracchino, quanto un’oliva per la provola, quanto un chicco di riso per il pecorino o il parmigiano.

11

12

Ditta Luigi Moretti
 

Ditta Luigi Moretti

La birreria

 

La Birreria Luigi Moretti presenta una vasta gamma di birre selezionate sia alla spina che in bottiglia.
L’arte del servizio birrario è praticato come una religione ed a confermarlo sono gli attestati esibiti orgogliosamente dei vari Master di spillatura fatti negli anni. La birra viene proposta e servita in maniera diversa nel pieno rispetto della tradizione e paese di origine seguendo anche i criteri di stagionalità.
Le “due dita di schiuma” considerate quasi un modo per vendere meno birra allo stesso prezzo, oggi sono uno dei simboli del servizio di qualità che fa la birreria Luigi Moretti. A vantaggio di tutti i suoi clienti che bevono una birra con la giusta saturazione di gas, spillata in modo da esaltarne le caratteristiche organolettiche e da renderla con la giusta digeribilità.
 

055 239979816 | birra@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

birreria1000x1000abirreria1000x1000bbirreria1000x1000cbirreria1000x1000dbirreria1000x1000ebirreria1000x1000f

VIDEO

13

14

Franco Parola
 

Franco Parola

I formaggi

 

SCEGLIERE A NASO

Franco Parola è un selezionatore e affinatore di formaggi. Solo piccole aziende, che utilizzino magari latte crudo – più profumato delle essenze pascolate – a produzione artigianale e con ciclo produttivo chiuso e stagionale. Dagli alpeggi i formaggi arrivano alle stanze di maturazione e da lì al banco del Mercato Centrale Firenze. Un percorso nel gusto che si muove in Toscana e Italia, e tocca Francia, Svizzera, Gran Bretagna, Irlanda. Formaggio scelto, a volte poco, sempre buono.
 

055 239979808 | formaggi@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

formaggi1000x1000aformaggi1000x1000bformaggi1000x1000cformaggi1000x1000dformaggi1000x1000f formaggi1000x1000e

VIDEO

15

16

17

18

Maurizio e Paola Rosellini
 

Maurizio e Paola Rosellini

Il pesce fresco

 

QUATTRO GENERAZIONI DI MARE

La qualità del pesce dei Rosellini nasce da una selezione accurata del pescato e dei fornitori. Il mare di riferimento è il Mediterraneo, fatta eccezione per le specie ittiche che non si trovano nel nostro mare. La preferenza è ovvia: prima l’arcipelago toscano e solo a seguire tutto il Tirreno, l’Adriatico e lo Ionio, per pesce azzurro e bianco, molluschi e crostacei, bottarga e pesce affumicato, preparazioni pronte al consumo. Dal mercato di Viareggio al Mercato Centrale, tutti i giorni.

 

055 239979805 | pescheria@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

pescefresco1000x1000hpescefresco1000x1000ipescefresco1000x1000lpescefresco1000x1000mpescefresco1000x1000npesce1000x1000g

VIDEO

19

 

il pesce fresco

Una delle ricette toscane più antiche è quella delle acciughe alla povera, con le alici lasciate a marinare in aceto o limone e condite con cipolla rossa tagliata sottile e lasciata ad addolcire per una notte a mollo in acqua.

20

Lorenzo De' Medici
 

Lorenzo De' Medici

La scuola di cucina

 

LA CUCINA FA SCUOLA

Carla e Fabrizio Guarducci, ideatori della scuola di cucina Lorenzo de’ Medici, sono convinti che i corsi di cucina siano uno dei veicoli più efficaci per immergersi nella cultura di un paese e interagire con esso. Al Mercato Centrale è ancora più semplice, perché gli studenti hanno modo di osservare e assaggiare i prodotti, parlando con gli artigiani. Cultura del cibo e nutrimento culturale, per conoscere la storia e costruire il futuro.

 

Maggiori informazioni sulle attività e i corsi qui.

 

055 239979806 | scuola@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

scuolacuna1000x1000ascuolacuna1000x1000bscuolacuna1000x1000cscuolacuna1000x1000dscuolacuna1000x1000hscuolacuna1000x1000gscuolacuna1000x1000fscuolacuna1000x1000escuolacucina1000x1000iscuolacucina1000x1000lscuolacucina1000x1000mscuolacucina1000x1000nscuolacucina1000x1000o

VIDEO

21

 

scuola di cucina

Gli studenti della scuola Lorenzo de’ Medici hanno contribuito al restauro della chiesa di San Jacopo in Campo Corbolini, nel quartiere fiorentino di San Lorenzo.

22

23

24

BCC Signa
 

BCC Signa

La banca

 

FILIALE VIRTUALE, COMODITÀ REALE

BCC Signa porta al Mercato Centrale Firenze tutta la sicurezza e i servizi di una banca da sempre attenta alle persone, con uno strumento altamente innovativo: la filiale virtuale. Lo sportello bancomat gestisce i prelievi di contante e i versamenti, assegni compresi, i moduli firmati e compilati o da compilare. La saletta dedicata che garantisce la privacy permette collegamenti con il personale della Banca, per consulenze complete e continue, attive e personalizzate secondo ogni esigenza, grazie alla presenza e alla competenza di specialisti dei diversi settori.

055 239979820 | banca@mercatocentrale.it

 

PRODOTTI

La Banca di Credito Cooperativo di Signa nasce nell’agosto del 1919 per la comune iniziativa dell’allora parroco di Signa, don Guido Pagnini, e di quindici volenterosi concittadini. La banca, allora conosciuta come Cassa Rurale di Prestiti di Signa, costituita come società cooperativa in nome collettivo, si inseriva naturalmente nel solco dell’esperimento avviato nel 1883 da Leone Wollenberg con la fondazione della prima Cassa Rurale italiana. Le Casse Rurali hanno come scopo quello di fornire prestiti in denaro a basso interesse e a lunga scadenza, impegnandosi a sostenere, secondo uno spirito mutualistico, l’accesso al credito dei piccoli imprenditori agricoli ed artigiani, altrimenti trascurati dal sistema bancario e facili prede degli usurai. E il primo volantino pubblicitario rivolto alla clientela dalla banca recita infatti: “Vi sono le Banche, ma chi le può avvicinare all'infuori dei grandi industriali, negozianti, di persone quotate nel mondo finanziario? Ben venuta sia dunque anche a Signa la Cassa Rurale. Essa è aperta a tutti ma è fatta specialmente per le piccole industrie, il piccolo commercio, per i contadini e gli operai”. Il mondo del Credito Cooperativo riscuote un grande successo, aprendo nuove opportunità ad un universo produttivo sino a quel momento escluso, e il numero delle Casse Rurali di Prestiti raggiunge in pochi decenni le 3.500 unità. Una lunga battuta d’arresto si registra durante il ventennio fascista, ma, terminata la seconda guerra mondiale, il lavoro riprende con grande slancio. E nel 1959 risorge la “Federazione Toscana delle Casse Rurali ed Artigiane" destinata a diventare dal 1993, "Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo". L’attività della Banca di Credito Cooperativo di Signa, iniziata in forma volontaria dai primi soci, che aprivano gli uffici e trattavano i prestiti la domenica mattina, dopo la Messa, si è andata sempre più strutturando. Il posto degli originari e valorosi volontari è stato preso da personale qualificato, mentre l’istituto ha continuato a svilupparsi in coerenza con i principi statutari della mutualità e della cooperazione. La sede si sposta dall’originario primo piano della casa in via dell'Orologio a piazza Michelacci, dove tuttora operano la direzione e gli sportelli della filiale di Signa. Si allarga pure l'area di competenza territoriale, che raggiunge il numero di venticinque comuni del fiorentino, mentre, con l’apertura a Firenze nel 2010, gli sportelli operativi salgono a nove, per un bacino di utenza di oltre 850.000 persone residenti. Anche la base sociale, forza trainante della banca, è andata progressivamente crescendo nel corso degli anni. E nel 2009 si arriva alla fusione con la giovane BCC del Comprensorio del Cuoio di Castelfranco di Sotto. La recente crisi finanziaria internazionale ha offerto alle banche di credito cooperativo un'ulteriore occasione per dimostrare che la cooperativa di credito locale è più delle altre banche in grado di svolgere un effettivo ruolo di promozione e di sostegno dell'economia reale. La rivoluzione copernicana, avviata agli inizi dello scorso secolo, si è consolidata nel tempo, divenendo effettivo strumento di gestione democratica del credito e punto di riferimento per le famiglie, per i giovani e per le iniziative sociali e culturali del territorio, senza dimenticare l’occhio di riguardo riservato, fin dall'inizio delle attività, alle opere di beneficenza, come possono testimoniare la Società San Vincenzo de' Paoli, l’Unitalsi, la Compagnia della Misericordia, la Croce Rossa Italiana, il Villaggio Artigiano di Signa.

Tipologie di prodottie servizi

La BCC di Signa, vitale realtà del Credito Cooperativo toscano, opera, con il supporto di circa 4.500 soci, in un’area che comprende le province di Firenze, Prato, Pisa e Lucca, con 9 filiali sparse sul territorio, da Signa a Firenze, da Scandicci a Lastra a Signa, da Montelupo Fiorentino a Castelfranco di Sotto.Nello specifico la BCC Signa, all'interno del Mercato Centrale Firenze è presente con uno strumento altamente innovativo, su cui è stato fatto (e sarà ulteriormente sviluppato) un importante investimento economico per poter presentare una offerta qualificata alla propria clientela: una Filiale “virtuale”, dotata di sportello bancomat che gestisce sia i prelievi di contante, sia i versamenti di tutti i clienti della Banca (assegni compresi). Inoltre, da una saletta dedicata ed assolutamente riservata, gli utenti potranno collegarsi con il personale della Banca, per una consulenza continua, attiva e personalizzata per le proprie esigenze.In più BCC Signa, da buona “vicina di casa”, offre agli esercizi presenti all'interno del Mercato Centrale un servizio agile ed innovativo, primo nel suo genere a Firenze, con un ampio catalogo di prodotti: conti correnti espressamente dedicati, apparecchi POS con canoni di favore, possibilità di accedere al credito con condizioni particolari.Oltre ai servizi di base, ma non di minore importanza, la Filiale “virtuale” permetterà inoltre agli esercenti di versare i loro incassi giornalieri, senza nemmeno dover uscire dai locali della struttura, con indubbi vantaggi sulla sicurezza.

Politica qualità

La mission delle banche come la BCC di Signa, aderenti al movimento di Credito Cooperativo, mette al centro della propria attività l'attenzione e la promozione della persona.L'impegno del Credito Cooperativo si concentra nel soddisfare i bisogni finanziari dei soci e dei clienti e opera secondo i principi qualitativi del miglioramento continuo per poter offrire prodotti e servizi sempre più convenienti. Obiettivo del Credito Cooperativo è produrre utilità e vantaggi, valore economico, sociale e culturale a beneficio dei soci e della comunità locale. La buona conoscenza del territorio, l’attenzione alla professionalità, la cura nella relazione con i soci e clienti, l'approccio solidale, costituiscono l’obiettivo costante per chi amministra le aziende del Credito Cooperativo e per chi vi presta la propria attività professionale.

Valore aggiuntodell'attività

La Carta dei Valori formalizza il patto stipulato tra il Credito Cooperativo e le comunità locali, racchiude le regole di comportamento e rappresenta gli impegni della categoria, gettando le basi del rapporto con i soci ed i clienti, fissando, al tempo stesso, gli obiettivi ed i valori che ispirano l'azione delle Banche di Credito Cooperativo, la loro strategia e la loro prassi. L'autonomia operativa è uno dei principi fondamentali del Credito Cooperativo, rimanendo ferma la coordinazione e l’integrazione tra le banche del movimento. L’operato del Credito Cooperativo non ha scopo di lucro, ma si pone come obiettivo quello di far convergere l'efficienza dell'azione privata con l'interesse generale e il bene comune. Il Credito Cooperativo favorisce la partecipazione degli operatori locali alla vita economica, privilegiando le famiglie e le piccole imprese; promuove l'accesso al credito, contribuisce alla parificazione delle opportunità, mentre destina gli utili realizzati al rafforzamento delle proprie riserve e ad altre attività di utilità sociale condivise dai soci.L’art. 2 dello Statuto della Banca, che rimane intatto nella sua formulazione da circa 120 anni, recita: “Nell'esercizio della sua attività, la Società si ispira (ai principi dell’insegnamento sociale cristiano e) ai principi cooperativi della mutualità senza fini di speculazione privata. Essa ha lo scopo di favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione e l'educazione al risparmio e alla previdenza nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera. La Società si distingue per il proprio orientamento sociale e per la scelta di costruire il bene comune. È altresì impegnata ad agire in coerenza con la Carta dei Valori del Credito Cooperativo e a rendere effettive forme adeguate di democrazia economico-finanziaria e lo scambio mutualistico tra i soci”.

25

Romualdo Rizzuti
 

Romualdo Rizzuti

La pizzeria

 

AMORE AL PRIMO MORSO

Si parla di pizza e subito sembra di sentire l’odore del pomodoro, di addentare la mozzarella filante, di farsi venire l’acquolina in bocca con la posta morbida e insieme croccante. SUD, la pizzeria del Mercato Centrale Firenze, ha un’ingrediente in più: la passione e il saper fare di Romualdo Pizzuti. Per iniziare, acqua, sale, lievito e un composto speciale di tre farine, integrale, con germe e 00. L’impasto che Romualdo lavora viene lasciato lievitare dalle 20 alle 30 ore e solo dopo questo paziente processo può accogliere gli ingredienti che danno vita alle tre pizze classiche, essenza della tradizione napoletana e italiana. Per la Margherita, salsa di pomodoro, mozzarella, basilico e olio extravergine d’oliva. Per la Marinara, salsa di pomodoro, aglio, origano, basilico e olio extravergine d’oliva. Per la Napoli spagnola salsa di pomodoro, mozzarella, basilico, capperi di Pantelleria, origano, acciughe del Cantabrico aggiunte dopo la cottura, olio extravergine d’oliva. Alle tre classiche – garanzia di una qualità costante e di efficienza nel servizio – si va ad aggiungere di stagione in stagione una pizza speciale, realizzata solo con prodotti freschi disponibili al momento. Una pizza davvero DOC, tanto che nel settembre del 2015 Romualdo ha ricevuto da IL GAMBERO ROSSO il massimo riconoscimento di qualità.

 

Per prenotare +39 055 2741150

055 239979811 | pizza@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

pizzeria1000x1000apizzeria1000x1000bpizzeria1000x1000cpizzeria1000x1000fpizzeria1000x1000dpizzeria1000x1000e

26

27

28

Lorenzo Nigro
 

Lorenzo Nigro

Il lampredotto

 

IL QUINTO QUARTO

Tra i piatti della cucina toscana il lampredotto è forse il più fiorentino e non poteva mancare al primo piano del Mercato Centrale. L’attività di Lorenzo nasce da una passione di famiglia: suo nonno è stato l’ultimo a preparare la trippa e il lampredotto cuocendoli nel fuoco a legna. La ricetta (segretissima!) che Lorenzo porta al Mercato è la stessa che veniva usata allora, col pane, anzi, con la rosetta – preparata in collaborazione con David Bedu – tuffata nel brodo di cottura e la classica domanda: con cosa? Sale, pepe, salsa verde fatta a mano secondo ricetta di famiglia, salsa piccante al peperoncino e via.
Scopri altro…

 

PRODOTTI

lampredotto1000x1000clampredotto1000x1000blampredotto1000x1000alampredotto1000x1000dlampredotto1000x1000elampredotto1000x1000f

VIDEO

29

 

Il lampredottaio

Il lampredottaio discende dall’antica corporazione dei Trippai, secondi solo ai Macellari per importanza nel settore delle carni. Le botteghe in cui le interiora venivano cotte e preparate erano poste sul Ponte Vecchio.

30

31

32

La caffetteria
 

La caffetteria

Il caffè è una passione da condividere. Ed è quella passione che lega Alessandro Staderini – sua la miscela che dà vita a caffè e cappuccini di alta qualità – e tutti i baristi del Mercato Centrale, sempre attenti alle innovazioni, con lo sguardo rivolto alle migliori caffetterie europee e di oltreoceano, costantemente mossi dall’approfondire la conoscenza di un prodotto vivo e meraviglioso. L’attenzione a ogni dettaglio è totale, dalla scelta delle materie prime, alle macchine da caffè La Marzocco per garantire risultati eccellenti, all’acqua filtrata con sistemi BTW water+more. Al Mercato oltre alla miscela 10+1 di Piansa si trovano caffè monorigine, selezionati mensilmente in base al periodo di raccolta. E per provare aromi e cremosità diverse dall’espresso, ai filter coffee con caffè tostati più chiari si affianca il bottomless porta filter, un espresso double shot che conserva tutto l’aroma del chicco tostato.

 

PRODOTTI

formaggi1000x1000aformaggi1000x1000aformaggi1000x1000c

VIDEO

33

34

Alessandro Staderini
 

Alessandro Staderini

La torrefazione

 

RISTRETTO, AL VETRO, IN TAZZA GRANDE

Con la caffetteria di Alessandro Staderini non si sbaglia: il controllo sulla qualità parte dalla scelta dei chicchi, senza rotture, di dimensioni sufficienti e ben maturi, da torrefare in piccole quantità così da poter estrarre velocemente il caffè e avere la soglia di tostatura ottimale. Al Mercato Centrale Firenze Alessandro porta il Caffè Italiano, dieci qualità di Arabica e Robusta con profumo di cacao, noce e caramello. Per fare un buon caffè, ci vuole un buon caffè.

 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

bar1000x1000abar1000x1000bbar1000x1000cbar1000x1000dbar1000x1000ebar1000x1000fbar1000x1000g

35

eataly
 

eataly

La grocery – casa e cucina

 

BUONO COME L’ITALIA

Il meglio dei prodotti italiani conservati: Eataly arriva al Mercato Centrale Firenze e porta con sé i produttori italiani che continuano a lavorare in maniera artigianale. Dalla pasta secca con i suoi tanti formati, ai risi italiani, fino alle conserve di pomodoro. Insieme ai prodotti alimentari, la fitocosmesi senza coloranti, alcali e parabeni. Per chi ama il mondo del food a tutto tondo, ecco gli oggetti di design sempre utili in cucina, per fare, gratificando anche gli occhi e non solo il palato.

 

055 239979821

 

36

Fausto Savigni
 

Fausto Savigni

La carne e i salumi

 

CHE CICCIA

Razza rustica Sambucana e Cinta Senese per i suini, Chianina e Piemontese per i bovini, Ermellinata di Rovigo e Robusta Maculata per il pollame, Livornese per le uova. Questo è il mondo dei Savigni ed è la loro vita. Le carni per i salumi vengono preparate, lavorate, asciugate e stagionate nel loro laboratorio, a garanzia di controllo e qualità. Da lì, arrivano sul banco del Mercato Centrale Firenze, per una carne che sa di ciccia.

 

055 239979801 | carniesalumi@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

carnesalumi1000x1000gcarnesalumi1000x1000hcarnesalumi1000x1000icarnesalumi1000x1000lcarnesalumi1000x1000mcarnesalumi1000x1000f

VIDEO

37

38

 

la carne e i salumi

Il pollo al mattone viene cotto senza aggiunti di grassi – tranne un goccio d’olio – e garantisce morbidezza della carne e croccantezza della pelle. È una cottura antica e molto saporita, fatta usando mattoni refrattari.

39

40

Consorzio Chianti Classico
 

Consorzio Chianti Classico

L’enoteca

È il 1924 quando a Radda in Chianti si riuniscono 33 produttori per dare vita al Consorzio del Chianti Classico, in difesa del vino Chianti e della sua marca d’origine. Sotto l’effigie del Gallo Nero, già simbolo della Lega Militare del chianti, confluiscono nel corso degli anni produttori che rispettano un rigido disciplinare, che parte dalle uve che si possono utilizzare. Sangiovese per almeno l’80% e poi Canarino o Canaiolo per i vitigni autoctoni o Merlot e Cabernet Sauvignon. Se il Gallo è Nero, il vino è rosso rubino e granato, inconfondibile, come gli aromi di viola, iris, prugna, amarena, mora del Chianti del Consorzio Chianti Classico. Al Mercato Centrale Firenze, l’enoteca del Consorzio Chianti Classico propone le etichette dei suoi produttori a fianco di una nutrita selezione di vini da mescita al bicchiere, tra bianchi, rosé e l’immancabile rosso. Chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere, diceva Baudelaire. Qui non ci sono segreti, solo l’alta qualità di un vanto toscano prima e italiano poi.

 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

enoteca1000x1000aenoteca1000x1000benoteca1000x1000cenoteca1000x1000denoteca1000x1000eenoteca1000x1000f

41

42

43

Tosca
 

Tosca

Il ristorante

 

SI MANGIA ANCHE CON GLI OCCHI
La cucina toscana è il fiore all’occhiello della cucina italiana, a maggior ragione quando le materie prime sono le migliori. Il ristorante del Mercato Centrale Firenze è Tosca e tutti i piatti in menu sono realizzati esclusivamente con i prodotti delle botteghe del Mercato. Una filiera più che corta, controllata e garantita, che fa da sigillo alla bontà. Le portate sono semplici e saporite, come da tradizione: dalla pappa al pomodoro alle tagliatelle al sugo, passando per i salumi toscani, la ribollita, i crostini di fegato, i cannelloni, la carne di Chianina e di Sambucana. Si finisce in dolcezza con i dolci di David Bedu, si brinda col Chianti Classico, si chiude col Caffè Italiano della caffetteria del Mercato.

 

Per prenotare +39 055 2657424

055 239979811 | tosca@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

ristorante1000x1000e ristorante1000x1000dristorante1000x1000fristorante1000x1000gristorante1000x1000hristorante1000x1000i

44

45

46

47

 

la pasta

Il tortellino nasce da un locandiere che sbirciò una bella ospite – forse Venere in persona – dalla serratura e volle riprodurre il suo ombelico per renderle onore.

48

49

50

Raimondo Mendolia
 

Raimondo Mendolia

La pasta fresca

 

MANI IN PASTA

Farina – grano duro da Altamura, in Puglia e grano tenero dal piacentino, in Emilia Romagna – uova italiane e verdure Di Alessandra e Filippo del Mercato Centrale Firenze, olio extravergine d’oliva e Parmigiano Reggiano: solo questi sono gli ingredienti che usa Raimondo Mendolia per le sue paste fresche. Al Mercato Raimondo porta le paste trafilate al bronzo, i tortellini, i cappellacci, i tortelli, le lasagne e le tagliatelle e tutte le paste ripiene dedicate ai sapori regionali: dall’abbinamento del pecorino di Pienza col lardo di Colonnata fino alla sfoglia profumata ai mirtilli col ripieno di porcini del Trentino. Da mangiare calda al Mercato o da gustare a casa.
 

055 239979812 | pastificio@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

pastafresca1000x1000apastafresca1000x1000bpastafresca1000x1000fpastafresca1000x1000gpastafresca1000x1000hpastafresca1000x1000l

VIDEO

51

52

 

consegne ecologiche

Il tempo medio di ricarica di un veicolo elettrico è pari a 25 minuti. Un pieno d’energia ha un costo medio di 2/3 euro e copre una distanza di circa 130 km.

53

Arà
 

Arà

Le specialità siciliane

 

Carmelo Pannocchietti di Arà prepara specialità siciliane che affondano nella tradizione. Dalle arancine, in più varianti, per chi ama la carne, chi preferisce il pesce, chi non sa rinunciare ai sapori delle melanzane alla Norma e chi predilige la semplicità di burro e spinaci, ai dolci. L’attenzione alle ricette è totale, basti pensare che Arà ha addirittura aperto un’azienda biodinamica dove coltivare parte della frutta che verrà poi candita. Frutta che, quando acquistata da fornitori esterni, viene attentamente selezionata: per le scorze di agrumi, solo limone Interdonato e arance di Ribera, fino ad arrivare al mandarino di Ciacculli e a fichi, pesche e albicocche da coltivazioni biologiche. Per il marzapane, Carmelo Pannocchietti non ha avuto dubbi: solo mandorle romane della Val di Noto. Pistacchi di Bronte, cioccolato di Modica, ricotta Giarratana: che si addenti un cannolo, si gusti una cassatina o una granita, con Carmelo Pannocchietti e Arà la sensazione è sempre quella: un pezzo di Sicilia che si scioglie in bocca.
 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

specialitasiciliane1000x1000aspecialitasiciliane1000x1000bspecialitasiciliane1000x1000cspecialitasiciliane1000x1000dspecialitasiciliane1000x1000especialitasiciliane1000x1000f

54

55

Gaetano e Pasquale Torrente
 

Gaetano e Pasquale Torrente

Il fritto all’italiana

 
Non è vero che tutto quello che viene fritto diventa buono. Anzi, la frittura è una cottura delicata e piena di segreti. È un’arte che per Gaetano e Pasquale Torrente è passione e sfida quotidiana. I Torrente portano al Mercato Centrale Firenze la loro sconfinata esperienza, che ha fatto loro guadagnare tanti apprezzamenti in tutto il mondo, da Cetara a Roma, a Istanbul, a Dubai, fino a Firenze. Pasquale – visionario e vagabondo di natura – non si separa mai da una boccetta di colatura di alici, che gli ricorda casa e le sue radici, e dall’olio che ha creato insieme a Pasquale, del tutto privo di olio di palma e arricchito di antiossidanti naturali estratti dal rosmarino. La bottega del Mercato profuma sempre di novità: dal timballo di pasta impanato e fritto (anche in versione cacio e pepe, squisitezza rara), alle polpette di carne, ai supplì col ragù alla napoletana, lasciato pippiare come racconta De Filippo per ore e ore, alla pizza fritta e croccante, dal calzone ripieno alle specialità stagionali come i malloni (polpette di patate, peperoncino e broccoli), fino alle specialità più fiorentine come la trippa fritta.
 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

frittoitaliana1000x1000afrittoitaliana1000x1000bfrittoitaliana1000x1000cfrittoitaliana1000x1000dfrittoitaliana1000x1000efrittoitaliana1000x1000ffrittoitaliana1000x1000g

56

 

il fritto e le polpette

L’olio più adatto alla frittura è l’olio extravergine d’oliva, seguito a breve distanza dall’olio di semi di arachide. Per non coprire i sapori più delicati è invece bene usare l’olio di sesamo o di vinaccioli.

57

58

Marcella Bianchi
 

Marcella Bianchi

Vegetariano e Vegano

 
Marcella Bianchi seleziona con cura prodotti ortofrutticoli che siano solo di stagione, coltivati con metodi ecocompatibili, garantendo così frutta e verdura fresca, coltivate in biologico e spesso proveniente dal territorio toscano. Una scelta che favorisce non solo il consumatore, ma anche la salute e l’ambiente, non inquinato e non impoverito. Ecco perché il primo impegno di Marcella Bianchi è concentrarsi sui piccoli produttori che rispettano le biodiversità e permettono la scoperta (o la riscoperta) di frutti e ortaggi dal gusto intenso, introvabili nella grande distribuzione. Anche la frutta esotica è italiana e coltivata al caldo del sole siciliano. Accanto al fresco, Marcella Bianchi propone un’accurata selezione di prodotti secchi, di succhi di frutta, marmellate, fino al miele e alla pasta. E se a vedere questo tripudio di colori e profumi l’appetito si facesse sentire, in bottega ci sono una serie di piatti gustosi, pensati per vegetariani e vegani, tra insalate, burger senza carne, centrifughe e salse fresche squisite. Buono e verde, si può.
 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

vegetarianovegano1000x1000avegetarianovegano1000x1000bvegetarianovegano1000x1000dvegetarianovegano1000x1000cvegetarianovegano1000x1000evegetarianovegano1000x1000f

59

 

La frutta e gli ortaggi

Alcuni fiori sono eduli. Tra questi: il narciso, la violetta, il geranio, il pisello odoroso che vengono usati per colorare e aggiungere profumo, oltre che sapore, alle insalate.

60

61

62

Enrico Carretta
 

Enrico Carretta

La mozzarella

 

FIOR DI LATTE, FIOR DI BONTÀ

Dalla Bocconi ai bocconi di mozzarella: così si potrebbe riassumere la storia di Enrico Carretta, un artigiano vero che ha deciso di seguire la sua passione e di lanciarsi nella lavorazione del latte e nella produzione di mozzarelle, fino a diventare casaro. Le regole sono poche e semplici: una materia prima eccellente e una lavorazione che segue le regole tradizionali. Ogni giorno la cagliata arriva al Mercato centrale e viene filata e mozzata in trecce, nodini, bocconcini.

Scopri altro…

 

PRODOTTI

mozzarella1000x1000amozzarella1000x1000bmozzarella1000x1000cmozzarella1000x1000dmozzarella1000x1000e

63

 

La mozzarella

La mozzarella va conservata nel suo liquido e la busta che la contiene posta in una bacinella con acqua con temperatura intorno ai 15-16° d’estate e 20-22° d’inverno.

64

La toraia di Enrico Lagorio
 

La toraia di Enrico Lagorio

L’hamburger di chianina

 
Sono più di 80 anni che La Toraia di Enrico Lagorio è legata a doppio filo alla razza Chianina, la più toscana tra le razze, quella che dà origine alla vera bistecca alla fiorentina. Da allora molte cose sono cambiate, ma la cura messa nel seguire ogni passo, a partire dall’allevamento e dalla scelta di foraggi biologici, è rimasta la stessa. Nella bottega della Toraia di Enrico Lagorio, la Chianina è ovviamente protagonista incontrastata, e a ragione: la sua carne, rustica, con una giusto grado di marezzatura delle grasso, saporita, diventa hamburger e si fa accogliere dai panini panificati in azienda, lasciati lievitare a lungo e fatti con una miscela di farine di sola provenienza toscana. Accanto agli hamburger, La Toraia di Enrico Lagorio propone un altro classico dello street food, anch’esso rivisitato in chiave toscana: l’hot dog di maiale toscano allevato sulle colline della Rufina dopo mesi di pascolo libero. Alla carne si abbinano insalate, verdure grigliate e cipolle alla piastra, oltre ovviamente alle patate fritte, fatte con patate vere, sbucciate e affettate come una volta. La qualità e la bontà non passano mai di moda.
 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

hamburger-chianina1000x1000ahamburgerchianina1000x1000bhamburgerchianina1000x1000chamburgerchianina1000x1000dhamburgerchianina1000x1000ehamburgerchianina1000x1000f

65

67

68

69

70

Cristian Beduschi
 

Cristian Beduschi

Il cioccolato e il gelato

 

BIANCO LATTE E NERO PURO

Le migliori qualità di cioccolato venezuelano, poche varietà ibride africane e una regola: niente aromi artificiali, le bacche, le spezie e le radici si lasciano in infusione nel burro di cacao. Ecco il cioccolato di Cristian Beduschi. Con la stessa semplicità nascono i dieci gusti di gelato, i bassinati e le confetture solo da frutta di coltivazione biologica. E un cioccolatino nuovo ogni due mesi, per non smettere mai di sperimentare e scoprire.
 

055 239979809 | cioccolato@mercatocentrale.it

Scopri altro…

 

PRODOTTI

cioccolatogelato1000x1000a cioccolato1000x1000bcioccolato1000x1000gcioccolato1000x1000e cioccolato1000x1000d cioccolato1000x1000c

VIDEO

71

 

Il cioccolato e il gelato

La feniletilamina e la serotonina hanno un valido effetto antidepressivo ed eccitante e stimolano la vasodilatazione dei vasi sanguigni del cervello. In due parole: la felicità.

72

73

Fabrizio Bodini
 

Fabrizio Bodini

I tramezzini

 

PIÙ DI UNO SPUNTINO
Come in ogni tramezzino che si rispetti, il pane fa da contenitore e da cornice. Il pane che Fabrizio Bodini porta al Mercato Centrale è fatto in collaborazione con David Bedu: in cassetta, bianco o ai cinque cereali, fatto col lievito madre e senza strutto. Gli abbinamenti sono 10, da quelli più tradizionali a quelli studiati appositamente e giornalmente per il Mercato. Le insalate, i carpacci e le zuppe, come i cocktail e le centrifughe cambiano in base alla stagione e alla freschezza degli ingredienti, scelti sempre con cura e – come il salmone – lavorati direttamente da Lorenzo in laboratorio.
 

Scopri altro…

 

PRODOTTI

tramezzini1000x1000atramezzini1000x1000d tramezzini1000x1000ctramezzini1000x1000btramezzini1000x1000ftramezzini1000x1000g

VIDEO

74

 

I tramezzini

Il tramezzino è l’italianizzazione a opera di D’Annunzio della parola sandwich, ispirata al conte di Sandwich. Il conte era un giocatore tanto accanito che chiedeva solo spuntini fatti da due fette di pane con dentro il manzo.

75

© Mercato Centrale di Firenze srl
Partita IVA 06315160488