fbpx
Radio Mercato Centrale


Retrobotteghe, il blog del Mercato Centrale

Scegli una città

Capodanno 2015, cosa cucinare?

Postato il 27 Dicembre 2014 da Elide Messineo
Capodanno 2015, cosa cucinare?
Il 2014 sta per concludersi con tutti i riti che ne derivano, dall’uso delle lenticchie in cucina allo stilare una lista dei buoni propositi per l’anno nuovo. Il cenone è un altro bel dilemma, quando è ora di mettersi ai fornelli si pensa sempre a come stupire gli ospiti senza proporre un menu banale ma senza dimenticare la tradizione. Dopo aver visto la lista di condimenti e spezie per rendere le vostre ricette più leggere, ecco alcuni piatti rivisitati e i vini da abbinare, qualche consiglio alternativo per non preparare il solito cenone.

Ostriche al rafano

Aprite le ostriche ed insaporitele con un pizzico di rafano grattugiato, accompagnandole a del Riesling alsaziano. Sbagliato l’accostamento ostrica e champagne che sentiamo sempre, il sapore metallico delle ostriche verrebbe esaltato dall’acidità dello spumante più famoso al mondo.

Lenticchie in brodo di pesce e mazzancolle scottate

Mai tralasciare le lenticchie: secondo la tradizione, se vengono mangiate la notte di Capodanno, porteranno soldi e fortuna. Per renderle più saporite e raffinate, cuocetele in brodo di pesce filtrato e alla fine della cottura aggiungete le mazzancolle scottate al vino bianco. Il tutto da accompagnare con un Alto Adige Terlano Pinot bianco.

Vellutata di zucca e pesto di cavolo nero

Non dimentichiamo che a tavola potrebbe sedere qualcuno che non gradisce l’idea di mangiare carne o pesce, quindi preparate una vellutata di zucca e abbinatela ad un pesto preparato sostituendo il classico basilico con del cavolo nero. Da bere, in questo caso, lo champagne.

Brasato di manzo al Barolo e purea di sedano rapa

Lasciate la carne a marinare a lungo con spezie e odori, realizzate il purè seguendo la classica ricetta ma anziché usare le patate, prendete del sedano rapa, ne otterrete una versione alternativa e più delicata per deliziare i vostri ospiti. Da accompagnare con Barolo o del Barbaresco.

Fagiano alla fiorentina

Per non allontanarci troppo dalla tradizione toscana, preparate il fagiano alla fiorentina (una ricetta molto semplice da realizzare) e accompagnatelo con del Chianti Classico o un buon Rosso di Montalcino.

Insalata di ananas, papaia, mango, arance, ribes e noci

Un’altra proposta insolita, da accostare ad un Brachetto d’Acqui.

Montblanc

Per chiudere in bellezza con un dessert molto amato in Piemonte e in Lombardia, concedetevi un Montblanc (Montebianco), dolce a base di castagne, accostandolo ad un Sauternes o il più classico Vin Santo.

X