fbpx
Radio Mercato Centrale


Retrobotteghe, il blog del Mercato Centrale

Scegli una città

La misura dell’amore

Postato il 11 Febbraio 2019 da Elide Messineo
Lo diceva Elsa Morante, che l’unica frase d’amore è “hai mangiato?” e Virginia Woolf lo sapeva pure, che se non mangi bene non puoi fare niente bene.

L’amore si misura in quantità di cibo che si danno e che si ricevono, molto dipende anche dal tempismo con cui ti viene regalato, servito. Se è San Valentino, ti regalo un bacio, uno di quelli di cioccolato. Se è il giorno in cui hai la febbre a 39, ti regalo un brodo caldo, fatto con amore, proprio da me. Se è Natale ti porto il pan di zenzero, so che ti piace tanto. Se è un giorno qualunque, io voglio preparare qualcosa per te. Di San Valentino dicono che è una festa commerciale, nata con la scusa di vendere più regali quando ormai è finita l’era dei panettoni e manca troppo alle uova e alle colombe di Pasqua.

Raccontano tutti questa storia di un santo martire, Valentino da Terni, che generosamente aiutò una ragazza poco abbiente a convolare a nozze. Ma sui santi si raccontano sempre un sacco di leggende, vai a capire se è successo davvero. I valentines, oggi, sono letterine che contengono romantiche dichiarazioni, biglietti sdolcinati che accompagnano regali (magari dei gioielli) e cioccolatini. Non scordarti mai dei cioccolatini di San Valentino, altrimenti sarebbe un 14 febbraio uguale a tutti gli altri giorni. Invece no, noi siamo speciali e avremo una giornata tutta per noi. Ti preparo il risotto alle fragole, apriamo la bottiglia di vino, brindiamo all’amore. Guai a brindare a stomaco vuoto anche se, ora che ti guardo, sento che è pieno di farfalle.

(È la primavera che sta arrivando?)

Così si si dice, quando uno è innamorato, ché in effetti l’amore ti toglie l’appetito: ho le farfalle nello stomaco, non c’è posto per il cibo. Almeno all’inizio perché poi, si sa, l’appetito vien mangiando e gli appuntamenti tra innamorati sono sushi, cenette a casa, viaggi eno-gastronomici, “mesiversari” e anniversari sono scanditi dal cibo, presenza costante che può perfino cambiare l’esito di un’esperienza. Per San Valentino, nei biglietti con i cuoricini, si augurano solo ristoranti buoni e cioccolato di buona qualità, per non tornarsene a casa delusi. Quando si parla di amore, c’è chi riduce tutto alla chimica e chi non vuole rinunciare alla poesia. Per San Valentino ti scrivo un sonetto, in questo periodo Shakespeare va per la maggiore. Poi ti porto a cena, come fanno nei film. Seduti al tavolo si possono fare dichiarazioni importanti, smorzate da dialoghi timidamente casuali.

Quanto è più facile dire “ti amo” di fronte a una pizza calda e fumante. Che poi tu lo stia dicendo alla pizza, quella è un’altra storia.


Foto di Federica Di Giovanni

X