fbpx
Radio Mercato Centrale


Retrobotteghe

Scegli una città

Simone Mari, la credenza di Torino con le sue miscele perfette

Postato il 20 Maggio 2019 da Elide Messineo
Simone Mari, la credenza di Torino con le sue miscele perfette
Simone Mari è nel bel mezzo del caos della giornata di inaugurazione del Mercato Centrale Torino. Dietro di noi suona la Bandakadabra, intorno c’è un’atmosfera euforica e tanta curiosità per questa nuova creatura sorta nel cuore di Porta Palazzo. La Distilleria si ispira ai cocktail bar degli anni Cinquanta e mette insieme una squadra di imprenditori ed esperti di mixology che hanno passioni e ambizioni comuni. Nella bottega si possono trovare sia i grandi classici che i signature cocktail – che si possono accompagnare con i “morsi”, piccole portate d’accompagnamento. Il progetto è stato accolto con entusiasmo dalla partner Roberta Isgrò, direttore creativo del gruppo VNK, e Teo Musso, fondatore del birrificio agricolo Baladin. In squadra ci sono il bartender torinese Matteo Pavei e il maestro di mixology Dennis Zoppi. Quest’ultimo ha contribuito alla creazione del Beermouth, un drink che mette insieme il sapere di chi lo ha ideato e l’amore per il territorio. Si tratta, infatti, di un omaggio alla tradizione dei vermouth piemontesi ed è creato secondo i metodi dell’artigianato moderno.

“La giornata è andata così” racconta Simone Mari “ho dormito un’ora e mezza stanotte, sono rimasto sveglio per allestire tutto e stamattina siamo arrivati prestissimo. Mi aspetto che da qui ci possa scoprire molta gente, un’utenza diversa rispetto a quella che conosciamo già. Ovviamente spero che tutti possano apprezzare quello che facciamo come artigiani”.


Simone Mari, la credenza di Torino con le sue miscele perfette


L’apertura del Mercato Centrale è stata tanto attesa quanto discussa. A giudicare dall’affluenza, dalla curiosità della gente e da tutte le buone intenzioni degli artigiani – buone in tutti i sensi – la polemica un po’ stona. “Sinceramente non capisco perché debbano sempre esserci delle polemiche. Questo è un posto nuovo, che non ha rovinato la zona e non ha mandato via nessuno. Anzi, rivalorizza questo palazzetto e tutto quello che c’è intorno”. La Distilleria farà un orario più lungo rispetto alle altre botteghe: sarà aperta dalle diciotto all’una dalla domenica al mercoledì e dalle diciotto alle due dal giovedì al sabato. “Porta Palazzo è sempre stata una zona un po’ “accesa”, speriamo che migliori. Siamo i notturni della situazione e da questo ci aspettiamo tante cose belle”.

Tra i bigliettini da pescare spunta la parola “domani”. “Domani sarà il primo giorno vero al Mercato Centrale, lavoreremo facendo quello che sarà il nostro compito, cioè soddisfare tutti coloro che vorranno venire qui a divertirsi”. In un domani meno concreto e più lontano, invece, Simone vorrebbe provare a replicare lo stesso esperimento in altre città. Dalla Distilleria alla prima volta che ha imparato ad andare in bicicletta: “Ho imparato a 5 anni. Abitavo in un paesino fuori Torino, io e i miei amici eravamo tutti distanti e l’unico modo per vederli era mettersi in sella e pedalare!”. Il gruppo di amici in bicicletta, associato al biglietto successivo, fa pensare a un’atmosfera un po’ in stile “Stranger things”. Alieni, cosa ne pensa Simone Mari? “Esistono sicuramente. Dire che siamo gli unici mi sembra eccessivo e presuntuoso… E poi ogni tanto se ne vede anche qualcuno in giro per Torino!”. Un cocktail per vedere gli alieni? “Va bene un Long Island, un Negroni, un Old Fashioned. Io, però, andrei più su un long drink come il Gin Tonic”. Quanti ne servano prima di incontrare un extraterrestre, non lo sappiamo, ma alla Distilleria potrebbero fornirvi qualche indizio in più. Provate per poi, eventualmente, credere.

Gli orari della Distilleria

  • Dal  lunedì al giovedì: 18:00 – 01:00;
  • Venerdì: 18:00 – 02:00;
  • Sabato: 12:00 – 02:00;
  • Domenica: 12:00 – 01:00.

Foto di Federica Di Giovanni

X