fbpx
Radio Mercato Centrale


Retrobotteghe, il blog del Mercato Centrale

Scegli una città

Un bicchiere di vino con un panino

Postato il 24 Maggio 2021 da Elide Messineo
Sanremo 1982. Al teatro Ariston ci sono Claudio Cecchetto e Patrizia Rossetti per la conduzione della trentaduesima edizione della kermesse canora più conosciuta, amata e odiata d’Italia. C’è Vasco Rossi che canta “Vado al massimo” ma, nonostante gli apprezzamenti, la vittoria va a Riccardo Fogli con “Storie di tutti i giorni”. Come la storia di Sanremo – ma non solo – insegna, chi arriva primo non necessariamente è destinato ad ottenere più popolarità rispetto a chi arriva dopo. Di quell’edizione è sicuramente ricordato maggiormente il brano di Vasco Rossi ma ancor più del pezzo presentato dal rocker di Zocca è conosciuto, in Italia e nel mondo, il brano che si classificò secondo: “Felicità”, di Al Bano e Romina Power.

All’epoca i due cantanti erano una coppia anche nella vita reale e facevano sognare i loro spettatori: “Felicità” è uno dei brani più conosciuti in assoluto della loro produzione artistica ma anche uno dei brani italiani più popolari all’estero. Il brano, scritto da Cristiano Minellono, Dario Farina e Gino De Stefani, dava il titolo anche all’album della coppia. Il suo testo, semplice, è uno dei ritornelli più noti, impossibile non canticchiarlo anche solo pensandoci. Semplice, come lo è il concetto di felicità, che per molti sta nelle piccole cose e che, pensando ad Al Bano e Romina, non può che essere identificata in un “bicchiere di vino con un panino”. Se è vero che il vino, con il rilascio di endorfine, può regalare stati di piacevole ebbrezza, i carboidrati di un panino non sono da meno.



Per distruggere l’atmosfera romantica creata dalla canzone, si può spiegare scientificamente il motivo per cui un panino potrebbe rendere tutti più felici. I carboidrati sono stimolatori naturali della serotonina, il cosiddetto “ormone della felicità”: è anche per questo che prodotti come il pane o la pizza e i dolci ci danno quella momentanea sensazione di soddisfazione e buonumore. I carboidrati, inoltre, aumentano il livello degli zuccheri presenti nel sangue e nel momento in cui si verifica il calo, viene naturalmente voglia di mangiare ancora. Ovviamente mangiare tantissimi carboidrati è controproducente e no, non è questa la ricetta della felicità eterna che andiamo sempre cercando. Esistono però centinaia e centinaia di ricette che possono regalare piccoli momenti di gioia e soddisfazione, incluse le decine di declinazioni che si possono fare di un panino.

A seconda del paese e della zona in cui ci si trova, esistono molti tipi di pane e panini, da quelli più semplici ai più elaborati, che cambiano anche a seconda dell’utilizzo che si vuole fare. Dalla rosetta con il lampredotto, inzuppata nel suo stesso brodo, passando per i panini imbottiti di salumi, quelli col pomodoro, quelli al latte o il pan brioche con la Nutella, oppure quelli con i semi, michette e bocconcini, i sandwich, gli hot dog e i buns per gli hamburger, le arepas venezuelane a base di farina di mais, croque madam e monsieur. I panini imbottiti e i sandwich rientrano tra i re incontrastati dello street food, sono buoni a qualsiasi orario, ma soprattutto a tarda notte, quando appare come un miraggio il “paninaro” pronto a offrirti ogni tipo di golosità. Ci sono panini con pochi ingredienti e panini esplosivi, come quelli per il kebab, ripieni delle imbottiture più disparate; ci sono quelli freddi, rigorosamente con la mortazza se sei a Bologna, e quelli caldi, magari col formaggio filante che cola da tutte le parti, che sembrano impossibili da mangiare e ti senti un eroe quando riesci nell’impresa. Ogni scusa è buona per prepararsi un panino. Da gustare rigorosamente accanto a un bicchiere di vino. Ascoltando Al Bano e Romina, ça va sans dire.

X