fbpx
Radio Mercato Centrale

  • https://nr4.newradio.it:19407/stream

Retrobotteghe, il blog del Mercato Centrale

Scegli una città

Un anno di cibo: puntare in alto

Postato il 14 Dicembre 2021 da Elide Messineo
Ogni anno sempre la stessa storia, che si odia e si ama, del tirare le somme e andare a ripercorrere gli ultimi 12 mesi. Tanto non si può cambiare quello che è stato, dicono. Ma si può decidere come sarà quello arriva dopo, dice qualcun altro. E per farlo, da qualche parte bisogna pur partire. Il modo migliore per non inciampare negli stessi errori è proprio quello di guardarsi indietro, senza però tenersi i rimpianti, che fanno quel fastidioso effetto zavorra. Un anno nuovo è sempre percepito come un nuovo inizio – per qualcuno è a gennaio, per altri si ricomincia a settembre – ed un’occasione nuova di zecca per imparare dei vecchi errori e farne di altri, per non smettere mai di imparare, nemmeno dopo. Nel 2020 avevamo bisogno di sogni grandiosi per iniziare un nuovo anno, per il 2022 vale la stessa regola – e magari ci aggiungiamo un pizzico di impegno in più, per far sì che si realizzino. Mentre scegliamo su quali sogni puntare, rinfreschiamoci la memoria con qualche lettura.

GENNAIO

Il futuro si può prevedere? Se sì, allora dimmi cosa ci aspetta nel 2022. Ma sarà sana tutta questa curiosità verso quello che arriva dopo, o è meglio scoprirlo “solo vivendo”, come direbbe Battisti? Una risposta a questa grande domanda non c’è, ma c’è un articolo che racconta di cibo e tarocchi, dell’indovino Tiresia e dei fondi di caffè, cerchi che si chiudono e cose che, nonostante il passare dei secoli, non cambiano mai.

LEGGI: PREVEDERE IL FUTURO

FEBBRAIO

Febbraio, il mese degli innamorati. Che si scambiano regali e cioccolatini, soprattutto i famosi baci. Sì, insomma, quelli di cioccolato con il cartiglio e le frasi romantiche scritte dentro. E pensare che tutto è partito da un cazzotto, che a tutto fa pensare fuorché al giorno di San Valentino.

LEGGI: TI MANGEREI DI BACI

MARZO

Parlami di snack senza parlare di snack: challenge accepted. Qui si parla di snack culture, che è un fenomeno generalmente associato alla cultura coreana ma che un po’ riguarda tutti noi. Il mondo va sempre più veloce e i contenuti lo seguono di pari passo: la nostra soglia dell’attenzione va sempre più giù, sempre più giù… Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più!

LEGGI: VITTIME DELLA SNACK CULTURE

APRILE

Circola questa voce, da sempre, per cui si dice che gli italiani mangino meglio di chiunque altro al mondo e quelli che invece mangiano peggio di tutti siano gli americani. La nostra cultura è profondamente contaminata da quella a stelle e strisce e i motivi risalgono al primo Dopoguerra e al piano Marshall, ma sarà mica vero che se mangiamo male la colpa è degli americani?

LEGGI: È SEMPRE COLPA DEGLI AMERICANI?

MAGGIO

A un certo punto, complice il lockdown che ha costretto tutti a stare a casa cercando qualcosa da fare e da ascoltare, è esploso il fenomeno dei podcast. Se non ne hai ascoltato almeno uno nella vita, sei out. Quelli crime vanno alla grande, ma anche gli altri mica scherzano, soprattutto se di mezzo c’è Barbero. E poi chiunque può fare un podcast, perfino tu, scommettiamo che almeno una persona che conosci ha già pensato a un nuovo format?

LEGGI: FENOMENO PODCAST


 


GIUGNO

Il 2020 ha segnato un’impennata negli acquisti di cibo surgelato, andando a scardinare anche alcuni pregiudizi legati a questo tipo di prodotti. Sarà più o meno sano rispetto al cibo fresco? Ma soprattutto, quand’è che abbiamo iniziato a surgelare il cibo? Per scoprirlo, ci tocca fare un giro in Canada e andare a pesca di eglefini secondo le tecniche della popolazione inuit.

LEGGI: ERA UN FILETTO DI EGLEFINO, STORIA DEL CIBO SURGELATO

LUGLIO

A un certo punto della sua vita, nel periodo della Grande Depressione, Margaret Fogarty iniziò a sperimentare alla ricerca di un pane che non causasse reazioni allergiche al figlio. Questo è solo l’inizio della storia di Margaret Rudkin, che ha dato vita ad alcuni tra gli snack più popolari negli USA e nel mondo ed è stata anche la prima donna a far parte del consiglio di amministrazione della Campbell Soup Company.

LEGGI: ESSERE MARGARET

AGOSTO

A questo punto dell’anno le ferie sembravano quasi un miraggio e poi, pouf, eccole qua. L’importante è ricordarsi di non uscire nelle ore più calde e bere tanta acqua. Ma anche portarsi delle valide letture – o le parole crociate – da tenere sotto l’ombrellone, per far passare il tempo. Qui ce n’è per tutti i gusti e tutte le temperature.

LEGGI: BUONA ESTATE

SETTEMBRE

Un pizzico di peperoncino rende tutto più piccante e sfizioso, ma com’è che il piccante piace così tanto? L’uomo è sempre stato appassionato di questa materia prima, affinata nel corso degli anni per raggiungere livelli sempre più alti di piccantezza (e anche lo spazio). Ma come si misura la piccantezza di un peperoncino? La risposta, amico mio, è nella scala di Scoville.

LEGGI: LA SCALA DI SCOVILLE, PEPERONCINI NELLO SPAZIO

OTTOBRE

Che ci azzecca Thomas Edison, il “papà” della lampadina, con la storia del luna park e quella di un esemplare di elefante femmina importato clandestinamente dall’India per essere spacciato come il primo esemplare nato negli Stati Uniti?

LEGGI: L’INCREDIBILE STORIA DI TOPSY

NOVEMBRE

Autunno, tempo di raccolta. Spuntano ancora un po’ di funghi, ma quanti funghi ci sono? Tanti, tantissimi, dagli effetti inaspettati. Nel bene e nel male. I funghi curano, ripuliscono, nutrono, fanno crescere Super Mario e fanno un sacco di altre cose e tante ancora sono da scoprire.

LEGGI: SUPER FUNGHI

DICEMBRE

Il cibo è una cosa seria e nessuno può saperlo meglio dei giapponesi, che seguono codici e rituali in cui il cibo non è solo cibo ma anche cultura, tradizione e spiritualità. Ogni gesto, ogni taglio, può avere un significato che va ben oltre l’azione, e che rende la cultura nipponica estremamente affascinante.

LEGGI: UN GIRO IN GIAPPONE


X